fbpx
3-aspetti-da-considerare-facendo-un-innesto

Che cos’è ed a cosa serve l’innesto nel giardinaggio

L’innesto, è una antica pratica tramandata nel tempo, che serve per controllare e migliorarne la crescita della pianta e talvolta per migliorare la qualità stessa della coltura. In pratica un innesto consiste nell’unire fisicamente 2 piante per formarne una sola, andando ad unire con particolari tecniche che vedremo di seguito, le parti vitali delle 2 piante fissandole insieme, per favorire una sorta di bio-saldatura, che col tempo darà origine quindi ad una nuova pianta, generalmente migliore delle 2 che l’hanno generata.

Diversi tipi di innesto: vediamo quali sono i più comuni

In funzione della varietà della pianta e dell’esperienza maturata, chi esegue l’intervento in genere sceglie il più adatto tra i vari metodi possibili di come si può innestare una pianta, vediamo quali sono i più comuni:

  • Innesti a gemma: Probabilemente il più comune e semplice da eseguire: si prelevano le “marze” (rametto vitale e gemmato) dal quale si selezionano le gemme. Queste si inseriscono poi dentro il portainnesto, incidendo in quest’ultimo una sagoma della stessa dimensione della gemma.
  • Innesti a corona: generalmente praticato nel caso di piante da frutto, si realizza inserendo in una fessurazione eseguita sulla corteccia di un tronco tagliato, una “marza” recisa. Importante proteggere l’innesto con materiali che descriveremo più avanti
  • Innesti a spacco:  si deve “appuntire” la base delle marze tipo matita. A questo punto si taglia il ramo su cui si intende innestare e si divaricano i margini del taglio per inserire le marze e si va quindi a proteggere con appropriati materiali.

Quali sono i materiali utili per innestare una pianta

Occorre fare molta attenzione nella scelta dei prodotti per innesti, in commercio esistono nastri adesivi, nastri in fibra sintetica, fili cavi in gomma e rafia naturale che hanno la caratteristica di tenere bene unite le parti innestate ma consentono il passaggio dell’aria e dell’umidità ambientale, vediamo le 3 principali:

  1. Prodotti per innesti a caldo: I nostri prodotti assicurano resistenza sia alle basse che alle alte temperature ambientali senza pericolo di incorrere in colature e/o screpolature, per effetto delle loro caratteristiche di elasticità e aderenza; oltre ad offrire grande tranquillità di impiego e risultati di attecchimento veramente sorprendenti garantiscono la tradizionale e riconosciuta costanza qualitativa per il loro altissimo standard di produzione.
  2. Mastici pronti all’uso: I mastici pronti all’uso sono indicati per proteggere i tessuti di alberi e arbusti dalle ferite provocate da potature o lesioni da eventi atmosferici, e per la realizzazione di innesti, evitando la disidratazione del portainnesto. L’applicazione del mastice su tutti i punti scortecciati consente di preservare nel tempo la vitalità e la stabilità strutturale delle piante. Inoltre, funge da efficace barriera contro le infezioni batteriche.
  3. Nastri per innesti invernali ed estivi: I nastri per innesti da noi realizzati sono adatti per ogni tipo di innesto e assicurano il raggiungimento di un risultato professionale. Sono indispensabili per proteggere l’innesto dall’esposizione di luce, aria e acqua. Si tratta di nastri innovativi messi a punto con formulazioni e proprietà uniche al fine di consentire una facile e rapida applicazione, per ridurre i costi del lavoro ed aumentare la percentuale di successo nella coltura.

POTREBBE ESSERTI UTILE:

0

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Apri la chat
Serve aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarti?